firefox

Mozilla ha rilasciato la versione 20 del noto browser Firefox che, oltre ad alcune nuove caratteristiche, risolve qualche problema di sicurezza. Sono infatti ben undici le vulnerabilità che Firefox 20 risolve, di cui tre critiche, individuate sulla sicurezza di memoria, crash WebGL con il driver Mesa grafica su Linux e un bypass delle protezioni SOW che permette la clonazione di nodi protetti. L’aggiornamento comunque non si ferma quì, mettendo anche le “mani” nei cross-scripting (XSS), risolvendo poi dei problemi riguardo l’acquisizione illecita di privilegi tramite Mozilla Updater.

Di seguito vi proponiamo il log parziale delle attività dell’aggiornamento:

  • Critical: Vulnerability can be used to run attacker code and install software, requiring no user interaction beyond normal browsing.
  • High: Vulnerability can be used to gather sensitive data from sites in otherwindows or inject data or code into those sites, requiring no more than normal browsing actions.
  • Moderate: Vulnerabilities that would otherwise be High or Critical except they only work in uncommon non-default configurations or require the user to perform complicated and/or unlikely steps.
  • Low: Minor security vulnerabilities such as Denial of Service attacks, minor data leaks, or spoofs. (Undetectable spoofs of SSL indicia would have “High” impact because those are generally used to steal sensitive data intended for other sites.)

Maggiori informazioni a questo link, per il download qui.

Opera, il famoso browser di Opera ASA, si aggiorna alla versione 11.64, nuovo supporto alle estensioni, anche Opera aderisce a quello che si può ormai definire uno “standard di mercato” per quanto concerne le rifiniture del browser moderno. Unitamente a ciò viene ridisegnata la barra degli indirizzi per la navigazione, oltre a questo è stata introdotta la possibilità di navigazione/consultazione delle pagine web con le gestures del mouse. a questo indirizzo il changelog completo.

E’ stata da poco rilasciata la versione 5.1.7 di Safari il browser sviluppato da Apple disponibile, oltre che per sistemi Mac, anche per Windows, questa nuova versione introduce un nuovo motore Javascript, chiamato Nitro, che promette in incremento della velocita pari a ben il 30%. Oltre a questo nuovo motore javascript è stata implementata la funzionalità Safari Reader, questo strumento ci permette di visualizzare le pagine, eliminando tutti i fattori inutili o di disturbo, migliorando la leggibilità dei contenuti. Sarà inoltre possibilie aggiungere nuove funzionalità al browser installando nuove estensioni, che potete trovare a questo indirizzo. Mentre qui il changelog per maggiori dettagli.

Era il 2006 e veniva alla luce operazone.it un ambizioso progetto che avrebbe dovuto nelle intenzioni del suo creatore, madghigno, portare all’attenzione del pubblico italiano le potenzialità del browser Opera, da li a poco divenuto “free”.  La community italiana che si ritrova su my opera, è in fermento, il progetto di sviluppo legato al browser attira un sacco di utenti, umus fertile per nuove idee, nasce Operazone.it con l’intenzione di dare supporto ai nuovi utilizzatori del browser norvegese.
Tutto procede alla grande, il forum è frequentato e i contenuti iniziano a fioccare l’ambiente è frizzante e vivace, ma non tutti i “vecchi” di my opera sono appagati, soddisfatti del nuovo portale italiano, mentre una parte di loro è ancora persa nel decidere che nome dare ad un progetto che non sono in grado di portare avanti, l’altra inizia ad appellarsi a questioni “partigiane” sull’appartenenza a l’una o l’altra community, come se la cosa poi in fondo avesse davvero importanza…
Negli anni successivi molti utenti di operazone,it hanno iniziato ad avere attività personali/lavorative sempre più pressanti, e il collante che era l’entusiasmo dei primi mesi ha iniziato a perdere di forza, mentre i dissidenti del “qualsiasi cosa facciano gli altri è fatta male…”  fermi ma costanti nella loro “immobilità” non hanno avuto probabilmente evoluzioni personali o lavorative tali da distrarli dal loro incessante chiacchiericcio che ancora continua sia su my opera sia sui canali IRC dedicato al supporto in italiano.

Operazone.it chiude definitivamente i battenti, tutti a casa, la festa è finita… Ora la palla passa ai detrattori della prima ora, vedremo cosa saranno in grado di fare, ammesso che vogliano poi davvero fare qualcosa.
Come ex-membro della community operazone.it saluto tutti gli amici che ne hanno fatto parte, Nexus, Francy, MarcOpera, Atreyu, Madghigno e tutti tutti gli altri…

A voi!

Con il rilascio della nuova versione di firefox, il noto ntowser di Mozilla.org, anche Thunderbird si allinea  alla versione 8, in questa versione è stato introdotto il blocco all’installazione dei componenti aggiuntivi e sono stati corretti una serie di bug minori, a questo indirizzo il change log per questa “nuova” versione.

La notizia di un browser sviluppato nei laboratori di Google e di un suo “imminente” rilascio sta velocemente girando sulla rete, la comunicazione è stata fatta da Sundar Pichai, product manager di Google direttamente sul blog ufficiale di Google.

Al momento Chrome è ancora in fase di sviluppo, ma a breve dovrebbe essere rilasciata una versione beta, per il momento soltanto per piattaforma Windows, con lo scopo di raccogliere impressioni, critiche e suggerimenti da parte degli utenti. Successivamente con il proseguire dello sviluppo e con la raccolta di feedback da parte degli utilizzatori, che non saranno  certamente pochi, dovrebbero essere rilasciate anche le versioni Mac e Linux.

Il motore di Chrome si basa su webkit, già utilizzato da Google per il browser contenuto in Android, ma anche da Apple per Safari.  Caratteristica annunciata di Chrome è la gestione dei TAB, infatti ogni TAB è visto come un processo del tutto separato, in questo modo dovrebbe migliorare la gestione della memoria con un incremento generale delle prestazioni  del browser. Sempre in merito alle prestazioni Google promette risultati stupefacenti, è stato infatti riscritto completamente il motore JavaScript.

L’annuncio di Google ha decisamente colto di sorpresa tutti, nella fantomatica guerra tra browser che vede come protagonisti Internet Explorer, Firefox, Opera, Safari e altri concorrenti minori, potrebbe inserirsi prepotentemente Google Chrome.
Va ricordato però che Google si è impegnata comunque a finanziare Mozilla nello sviluppo dei suoi prodotti sino al 2011. La faccenda si fa davvero interessante… Staremo a vedere.

Aggiornamento: Ecco il link per il download!

 Free Image Hosting at www.ImageShack.us